Moreno Cedroni

Moreno Cedroni

La Madonnina del Pescatore è simbolo e riferimento di avanguardia in cucina, grazie alla continua sperimentazione di Moreno Cedroni e di Luca Abbadir, oltre che sous-chef, vero e proprio responsabile della ricerca (in quanti ne hanno uno?). Tale evoluzione della materia prima avviene nel Tunnel, il laboratorio in cui si mette mano a una sperimentazione discreta, senza clamori, che Moreno permette di visitare, così come il nuovo Orto Marittimo, posto di fronte al ristorante, sulla spiaggia, in continuità tra terra e Adriatico.

Le pietanze risentono della carica positiva e dell’alta motivazione di tutto il gruppo della Madonnina, con il tocco delicato della dolce Mariella Organi in sala, perfetta complice di ogni ospite, che riesce a trasmettere il suo garbo pure alla brigata. C’è univoca coerenza tra salato e pasticceria, messi sullo stesso livello di importanza e bontà, in un intreccio di ricordi (menu Ricordi d’Infanzia), novità (Luca & Moreno) oppure sintesi del tutto (Mariella).

Grande spazio è dato all’interattività: Moreno esce a servire e spiegare tutte le maturazioni del pesce in degustazione, l’ospite deve compiere gesti, come sbriciolare una stellina di ricci di mare liofilizzati sulle Penne con erbe spontanee, seppie ai carboni e ricci (da non perdere), oppure preparare un dolce (E adesso chi lava i piatti?), o ancora godere di più consistenze di uno stesso ingrediente (Il Lago Ghiacciato). E’ un’esperienza: palato e mente escono rigenerati, grazie all’effetto che fa “una vita vista mare”, con gusto e gioia che vanno a braccetto, in un connubio più vivo che mai.

Bio by Identità Golose