Norbert Niederkofler

Norbert Niederkofler

Norbert Niederkofler; St. Hubertus – Loc. San Cassiano Badia (Bolzano)

Il St. Hubertus, tre stelle Michelin, è il palcoscenico dello chef Norbert Niederkofler, mente cucinante dell’hotel Rosa Alpina, il relais & château della famiglia Pizzinini. Impressiona nella cucina di Norbert Niederkofler non tanto la conoscenza delle materie prime e la padronanza delle tecniche, quanto l’allegria e il garbo delle presentazioni, a volte anche l’ironia con cui capovolge una certezza. Prendiamo il “Vitello Tonnato” St. Hubertus. Se un cuoco provetto aggiunge a un piatto arcinoto le virgolette e il nome del suo ristorante è per far capire al cliente che non sarà il solito vitel tonné di piemontese memoria. Qui abbiamo un capovolgimento del noto: intanto bocconcini che nella forma ricordano il sushi e non la carne sotto e la salsa tonnata sopra, e poi il vitello arrosto è ridotto a crema e poi avvolto da fettine di tonno crudo. Geniale e pure sensuale al momento di farne bocconi. Un campionario di grandi piatti ancora più appuntiti e socialmente responsabili da quando, nel 2013, ha deciso di seguire la filosofia Cook the mountain, un grande progetto di promozione e valorizzazione della gastronomia montana, con tutto il suo indotto. E di fondare Care’s, primo congresso che s’interroga sugli orizzonti etici di un cuoco. (bio tratta dal sito di Identità Golose)